Autore Topic: Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione  (Letto 1562 volte)

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
+2
Topic esclusivamente dedicato alle soluzioni tecniche sperimentali adottate sulle monoposto McLaren di Formula 1, sulla falsariga di quanto pubblicato quattro anni fa a proposito di collaudatori e tester nella sezione storica. L’obiettivo sarà quello di raccogliere le immagini più significative (con diverse rarità) di prove di collaudo, esperimenti, progetti provvisori, chicche, curiosità e tentativi vari mai adottati in gara.

Come da netiquette, raccomando sempre di limitare O.T. grazie.
« Ultima modifica: 04 Marzo 2019, 20:48:43 da Ice Man »


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren


Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #1 il: 04 Marzo 2019, 20:09:00 »
+1
Test: Shield-cockpit protection device
Alain Prost (FRA) - McLaren-TAG Porsche MP4/2B - Silverstone 1985







Nota di commento: Esperimento di “shield” (altresì definito “cockpit protection device”) installato nel giugno 1985 durante una sessione di prove private sul circuito di Silverstone. In un commento su Twitter, Alain Prost ha dichiarato che si trattava di un dispositivo aerodinamico ideato dal direttore tecnico John Barnard volto allo studio del flusso esterno e all’incremento dell’efficienza aerodinamica. La protezione si presentava come una sorta di semiguscio con una fessura centrale orizzontale. Il progetto venne accantonato data la scarsa visibilità dall’abitacolo, poiché come dichiarato dallo stesso Prost la protezione deformava la visuale in pista da parte del pilota. Va ricordato che, da un punto di vista storico e tecnico, quello della McLaren di Barnard del 1985 fu il quarto tentativo di ordine di tempo di schermatura di un abitacolo di una monoposto da corsa di Formula 1: nell’estate del 1958, nelle prove libere di Monza, venne montata una protezione integrale con una forma sferica studiata da Frank Costin sulla Vanwall VW5 di Stirling Moss, il quale lamentò temperature eccessive e un assordante incremento del rumore del motore. Nove anni più tardi, Kurt Ahrens prese parte alla corsa del Nürburgring con un dispositivo simile montato sulla Protos-Cosworth F2 privata allestita dal Ron Harris Racing Team, un altro progetto di Costin. Sempre nel 1967, durante i test pre-gara di Monza, Jack Brabham e Ron Tauranac installarono sulla Brabham-Repco BT24 un parabrezza avvolgente, in plastica trasparente, trasformando la monoposto in una sorta di coupé. In tutti i casi qui citati, i teorici vantaggi aerodinamici studiati in fabbrica non diedero però i frutti sperati.


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #2 il: 04 Marzo 2019, 20:37:15 »
+1
Test: Airbox sperimentale copia-Ferrari
Ayrton Senna (BRA) e Alain Prost (FRA) - McLaren-Honda MP4/5 - Budapest 1989









Nota di commento: La genesi della nuova monoposto prevista per la stagione 1989 che vide il ritorno ai motori aspirati dopo la messa al bando dei propulsori turbo fu tutt'altro che semplice. Il progetto MP4/5 di Neil Oatley, infatti, incontrò nelle prime fasi alcune difficoltà di messa a punto già nelle prove invernali in Brasile, parallelamente alla progettazione del nuovo cambio trasversale che avrebbe esordito a metà anno a Silverstone con diversi problemi di affidabilità. La McLaren presentò alcune versioni differenti della presa d'aria del cofano motore; la prima a forma triangolare venne impiegata solamente nella gara d'esordio a Rio, da Imola in avanti le dimensioni vennero maggiorate con forme più sinuose, ricercate e tondeggianti. Nelle prove libere del Gran Premio d'Ungheria a Budapest, Ayrton Senna e Alain Prost scesero in pista con una versione totalmente sperimentale dell'airbox, che riprendeva in sostanza il design dell'innovativa Ferrari 639/640 di John Barnard: prese d'aria con feritoie alte e strette ai lati dell'abitacolo, nel tentativo di incrementare la portata dei flussi diretti verso l'alettone posteriore. La prova non diede buoni esiti e la soluzione non venne mai utilizzata in gara. Curiosamente, la Ferrari aveva già cambiato questo particolare ispirandosi proprio alla McLaren, con forme più tradizionali, a dimostrazione di come copiare dagli avversari spesso non paghi.
« Ultima modifica: 04 Marzo 2019, 20:46:50 da Ice Man »


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #3 il: 04 Marzo 2019, 21:09:14 »
+1
Test: Pinna cofano motore stile Red Bull
Lewis Hamilton (GBR) - McLaren-Mercedes MP4-23 - Hockenheim 2008







Nota di commento: A metà stagione 2008, la McLaren entrò nella fase di maggior sviluppo aerodinamico dell'intera annata, sfornando soluzioni tecniche all'avanguardia: terzo bilanciere al volante, ala anteriore con quattro profili da alto carico, pance asimmetriche, orecchie da elefante sul musetto. Dopo la Ferrari B2 del '71 e la sfortunata McLaren MP4/10 del '95, a Woking si decise di estremizzare il concetto di pinna dorsale, una vera e propria copia della Red Bull RB4 di Adrian Newey e delle squadre avversarie tra cui Ferrari e Renault, nel tentativo di stabilizzare il flusso d'aria verso l'alettone posteriore garantendo più carico aerodinamico. Nei test di Hockenheim, Lewis Hamilton scese in pista con un nuovo cofano motore dotato di una vistosa pinna che, tuttavia, non verrà mai impiegata in gara.
« Ultima modifica: 04 Marzo 2019, 21:10:45 da Ice Man »


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #3 il: 04 Marzo 2019, 21:09:14 »

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #4 il: 04 Marzo 2019, 21:25:09 »
+1
Test: Specchietti retrovisori laterali sperimentali
Lewis Hamilton (GBR) - McLaren-Mercedes MP4-22 - Sepang 2007









Nota di commento: All'inizio della stagione 2007, nella seconda prova in Malesia, la McLaren fu protagonista di un esperimento alquanto curioso: nelle prove libere del venerdì, infatti, vennero provati degli specchietti retrovisori aggiuntivi collocati sui barge-boards laterali, una soluzione utile per un confronto diretto con un'applicazione più consueta e tradizionale. Vennero lasciati intatti quelli originali, motivo per il quale la vettura scese in pista condotta da Hamilton dotata di ben 4 specchietti! Alla prova di Sepang non seguì uno spostamento degli stessi, che rimasero quindi invariati. Gli specchietti retrovisori laterali verranno ammessi ancora per altri tre anni, fino alla fine del 2010, quando verranno banditi dalla FIA per motivi di sicurezza.


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Frenkoz

  • Moderatore di Sezione
  • *****
  • Post: 11827
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +136
  • Premi oscar: Miglior colonna sonora 2015Opera Pellegrinaggi 2015Late show 2015...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #5 il: 04 Marzo 2019, 21:53:56 »
0
L’F-duct del 2010!! Ricordo dichiarazioni che vedevano già le prime soluzioni sullo stallo dell’ala posteriore nel GP di Monaco del 2009
W la McLaren!!!
W la Regina!
W Ron Dennis!                                                            QUELLO CHE NON TI AMMAZZA, TI RENDE PIU' FORTE

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #6 il: 04 Marzo 2019, 21:56:24 »
+1
Test: Ala posteriore ribassata
Emerson Fittipaldi (BRA) - McLaren-Ford Cosworth M23 - Nivelles 1974







Nota di commento: La libertà progettuale delle monoposto di Formula 1 della metà degli anni Settanta, sia nei contenuti che nelle forme estetiche, colpisce ancora oggi per l'originalità e l'approccio sperimentale dei progettisti dell'epoca, spinti dalle esperienze negli sport prototipi. Durante le prove libere del Gran Premio del Belgio 1974, disputato sul tracciato di Nivelles, Emerson Fittipaldi scese in pista con una versione ribassata dell'alettone posteriore della longeva M23, lontana dal corpo-vettura. Ai box, lo stesso Ronnie Peterson, avversario del brasiliano in Lotus, restò colpito dalla soluzione estrema ideata da Gordon Coppuck (qui illustrata nel disegno di Giorgio Piola), probabilmente ispirato da Colin Chapman e dalla rivoluzionaria Lotus 76 a doppia ala posteriore, progetto fallimentare dello stesso anno poi accantonato. Il test venne limitato alle libere; questo esperimento non ebbe quindi seguito con un impiego in gara.


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #7 il: 04 Marzo 2019, 22:00:20 »
0
L’F-duct del 2010!! Ricordo dichiarazioni che vedevano già le prime soluzioni sullo stallo dell’ala posteriore nel GP di Monaco del 2009

Vero! A tal proposito, ho trovato un articolo con indiscrezioni in merito:

https://www.crash.net/f1/news/147307/1/mclaren-expect-ingenious-rear-wing-to-be-head-turner


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #7 il: 04 Marzo 2019, 22:00:20 »

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #8 il: 05 Marzo 2019, 18:39:07 »
+1
Test: Musetto sperimentale rialzato
Ayrton Senna (BRA) - McLaren-Honda MP4/5B - Monza 1990







Nota di commento: Alla fine degli anni Ottanta, il progetto March/Leyton House-Judd 881 (1988) firmato da Adrian Newey vede un'importante novità da un punto di vista telaistico-aerodinamico, con un innalzamento della sezione anteriore all'altezza della pedaliera. Due anni più tardi, la Tyrrell-Ford 019 di Harvey Postlethwaite e Jean-Claude Migeot segna un'autentica rivoluzione progettuale con il celeberrimo musetto alto ad "ala di gabbiano", che consente una maggiore portata dei flussi sotto la vettura verso il diffusore. I tecnici di Woking intuiscono i vantaggi aerodinamici della soluzione che, secondo i dati, consistono in un incremento del carico aerodinamico, alla velocità massima di circa 1,7 t, che permette di raggiungere in curva accelerazioni trasversali pari a 4 volte l'accelerazione di gravità. La soluzione della McLaren si configura tuttavia in maniera diversa in quanto, a differenza della Tyrrell, non presenta i piloni laterali di sostegno per il profilo alare, ma questo viene spostato in alto con l'intero muso, consentendo quindi un notevole passaggio d'aria nel fondo vettura, penalizzando però il carico aerodinamico dovuto all'innalzamento dell’alettone anteriore. Alla fine dell'estate del 1990, durante i test di Monza pre-GP, Senna scende in pista con una versione sperimentale (da notare l'assenza di verniciatura sulle bandelle laterali a forma di trapezio), che però viene accantonata a favore della soluzione-standard utilizzata durante la stagione. Da ricordare che la prima vettura con sezione anteriore rialzata sarà la McLaren-Honda MP4/7A (1992), mentre il musetto alto verrà impiegato alcuni anni più tardi sulla McLaren-Mercedes MP4/10 (1995).


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #9 il: 05 Marzo 2019, 19:45:39 »
0
Test: Profilo anteriore aggiuntivo a sbalzo
James Hunt (GBR) - McLaren-Ford Cosworth M26 - Jarama 1978









Nota di commento: Ala aggiuntiva sperimentale collocata a sbalzo e sorretta da due piloncini impiegata sulla monoposto di James Hunt durante le prove libere del Gran Premio di Spagna 1978, disputato sul tracciato di Jarama. La soluzione ricorda vagamente quelle adottate nel periodo 1968-69, agli albori dell'evoluzione aerodinamica, un tentativo per arginare il sottosterzo. La prova non ebbe seguito e il profilo aggiuntivo non venne montato in gara.
« Ultima modifica: 06 Marzo 2019, 19:34:36 da Ice Man »


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #10 il: 14 Agosto 2019, 20:56:29 »
+1
Test: Fiancate senza sfoghi laterali
Alain Prost (FRA) - McLaren-Honda MP4/4 - Silverstone 1988







Nota di commento: Versione sperimentale di fiancate "chiuse", prive di sfoghi laterali per l'uscita dell'aria dei radiatori. Il test di Silverstone, dedicato a prove comparative e test degli pneumatici, vide Alain Prost al volante. La soluzione, del tutto sperimentale, venne bocciata dallo staff tecnico McLaren e mai impiegata in gara.
« Ultima modifica: 14 Agosto 2019, 21:06:52 da Ice Man »


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #11 il: 26 Agosto 2019, 12:56:23 »
0
Test: Halo 2016
Jenson Button (GBR) - McLaren-Honda MP4-31 - Monza 2016







Nota di commento: Storia recente. Ecco il turno della McLaren: primo impiego del nuovo dispositivo halo sulla monoposto di Button nelle prove libere del Gran Premio d'Italia 2016. A Monza, il britannico scende in pista durante la prima sessione di libere del venerdì; il sistema verrà provato successivamente anche dal compagno di squadra Fernando Alonso.
« Ultima modifica: 26 Agosto 2019, 15:03:50 da Ice Man »


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #11 il: 26 Agosto 2019, 12:56:23 »

Offline pietro27

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4907
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +140
  • Premi oscar: Dolce&Gabbana 2019Speed Trap 2018Business Plan 2018...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #12 il: 26 Agosto 2019, 13:37:39 »
0
Bel lavoro Ice ma sta carretta speravo di non rivederla più in vita mia

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4023
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +68
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #13 il: 26 Agosto 2019, 15:03:14 »
0
Bel lavoro Ice ma sta carretta speravo di non rivederla più in vita mia

Mi prenderai per matto, ma adoro la MP4-31, bellissima, tutta nera.


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline vinz1926

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 3142
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +31
Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #14 il: 26 Agosto 2019, 16:55:55 »
0
A me le prime 3 livree della McLaren Honda (le due MP4-30 e la MP4-31) mi piacevano tantissimo
"If you cut us, we bleed McLaren."

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:Storia Tecnica McLaren: tra innovazione e sperimentazione
« Risposta #14 il: 26 Agosto 2019, 16:55:55 »