Autore Topic: Il Mondiale che verrà - messaggio di Zak Brown  (Letto 227 volte)

Offline BOSS

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 5094
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +96
Il Mondiale che verrà - messaggio di Zak Brown
« il: 17 Gennaio 2022, 16:37:22 »
0
Comunicato di Zak Brown su cosa riserva il 2022 alla McLaren Racing

L'inizio del 2022 segna una nuova era per la Formula 1 e il prossimo capitolo nella continua progressione della McLaren Racing. Sono entusiasta dei cambiamenti in serbo, sia dentro che fuori dalla pista per il nostro sport e la nostra squadra, mentre iniziamo il nuovo anno con un rinnovato desiderio di perseguire il successo in tutti i nostri sforzi.

Con sei decenni di eredità, la McLaren entra nella nuova stagione con le nostre credenziali sportive, sostenute da una pianificazione rigorosa e da investimenti strategici. In Formula 1 sveleremo presto la nostra nuova vettura, costruita per riflettere i significativi cambiamenti nei regolamenti tecnici. Abbiamo acquisito il team Arrow McLaren SP IndyCar e apriremo nuovi orizzonti anche nella tecnologia elettrica grazie al nostro nuovissimo programma Extreme E. Per molte ragioni, tutti alla McLaren sono entusiasti delle opportunità che ci attendono quest'anno.

Le ultime due stagioni sono state difficili per tutti a causa della pandemia da covid-19. Non solo dal punto di vista umano, ma anche economico e logistico. Ci siamo adattati per superare le difficoltà che hanno colpito tutti in tutto il mondo. Ma mentre ci prepariamo per la prossima stagione, siamo fiduciosi che durante i vari campionati in cui gareggiamo, i promotori, le autorità di regolamentazione, i nostri partner e le persone affronteranno qualsiasi sfida con coraggio e determinazione per avere successo.

Ci sono diversi motivi per essere entusiasti della F1 nel 2022. I nuovi regolamenti tecnici rappresentano uno dei più grandi reset che lo sport abbia mai visto. Non solo le novità aumenteranno l'imprevedibilità dell'ordine competitivo mentre ci dirigiamo al primo round in Bahrain, ma le modifiche alle vetture (con un'enfasi sull'aerodinamica a effetto suolo) dovrebbero arricchire lo spettacolo in pista per i fan.

L'impressionante crescita della F1 negli ultimi anni, in particolare nelle ultime due stagioni di fronte a una pandemia globale, la dice lunga sulla leadership e sulla determinazione del CEO di F1 Stefano Domenicali e del suo predecessore, e ora presidente, Chase Carey e del loro team. Fornire un calendario record nel 2021 e l'aumento degli spettatori e della fan base globale è una buona notizia per l'intero sport e mi riempie ancor più di ottimismo per il futuro.

Ci dirigiamo verso la nuova stagione di Formula 1 con il chiaro obiettivo di costruire sulle basi dei nostri recenti progressi. Negli ultimi tre anni la McLaren ha goduto della sua migliore forma da oltre un decennio. Nel 2021 siamo arrivati ​​quarti nel Campionato Costruttori FIA di Formula 1, dopo aver accumulato 275 punti, a soli 48,5 punti dal terzo posto e comodamente davanti al quinto. Ma siamo ancora all'inizio del nostro viaggio per tornare al vertice. Rimaniamo ambiziosi e determinati ma realistici.

Il 2021 è stato un anno forte per i nostri due piloti, con Lando che ha conquistato quattro podi e la sua prima pole position – e si è avvicinato alla sua prima vittoria in F1 in Russia – mentre Daniel ha portato la McLaren sul gradino più alto del podio a Monza. È stata una giornata memorabile per tutta la squadra. Raggiungere la nostra prima vittoria in un Gran Premio dal 2012 e la nostra prima doppietta in 222 gare (risalenti al Canada 2010) è stata una testimonianza del duro lavoro di tutti in pista e al McLaren Technology Center di Woking.





Il successo in qualsiasi organizzazione è davvero uno sforzo di squadra e il nostro progresso in pista deriva da una forte leadership esecutiva e dagli sforzi eccezionali di tutto il nostro personale in McLaren Racing. L'impressionante progresso del nostro team di F1 guidato da Andreas Seidl e dai suoi reparti tecnici, operativi e di corse è stato sostenuto dall'eccellente lavoro delle nostre funzioni di comunicazione, finanza, marketing e personale.

La combinazione del nostro talento e del nostro know-how con gli investimenti dei nostri azionisti, partner e una solida gestione finanziaria ci ha posizionato bene per la fase successiva del nostro viaggio competitivo. E la nostra opportunità di essere competitivi è stata rafforzata dall'introduzione del budget cap in F1. Con il limite di spesa che si riduce a $ 140 milioni quest'anno e $ 135 milioni il prossimo, i nuovi regolamenti finanziari presentano a noi - e allo sport nel suo insieme - un quadro più equo per competere, riducendo l'inevitabile vantaggio delle squadre con le spese maggiori e con le migliori risorse.

Tuttavia, dobbiamo continuare a guidare la sostenibilità economica in tutto lo sport. Alcune squadre cercano ancora scuse per aumentare il tetto dei costi e vincere i campionati del mondo con i libretti degli assegni. Le continue pressioni da parte di alcune squadre per aumentare il tetto dei costi per i danni della corsa sprint sono un esempio continuo. L'iniziativa della gara sprint del sabato della Formula 1 ha aggiunto nuovi spettatori e ha alzato il profilo dello sport per espandere la sua fan base globale. Tuttavia, queste squadre continuano a chiedere un aumento del tetto massimo di costi di una quantità eccessiva di denaro, nonostante la chiara evidenza che durante queste gare l'anno scorso sono stati subiti pochi danni, in un tentativo appena velato di proteggersi dall'erosione del loro vantaggio competitivo.

L'attuale struttura di governance dello sport consente una situazione in cui alcune squadre, per proteggere il proprio vantaggio competitivo, tengono effettivamente lo sport in ostaggio da ciò che è meglio per i tifosi e quindi per lo sport in generale. Queste squadre sembrano incapaci di accettare che un limite di budget sia nel migliore interesse dello sport e non mina la loro capacità di essere al vertice.





Inoltre, la minaccia delle squadre "A" e "B" non è scomparsa ed è fondamentale che la governance dello sport sia rafforzata per prevenirlo. I regolamenti, così come sono oggi, sono fortemente prevenuti nei confronti delle squadre B/clienti, il che non è in linea con il principio della F1 di un gruppo di veri costruttori che competono tra loro in condizioni paritarie. Sta sminuendo ciò che significa essere una "squadra" di F1 e il tessuto di questo sport.

La F1 deve essere composta da 10 veri costruttori, in cui ogni squadra, oltre a condividere la PU e potenzialmente gli elementi del cambio, deve progettare e produrre tutte le parti rilevanti per le prestazioni. In questo momento, c'è troppa diversità nei modelli di business tra i team. Di conseguenza, cercare di applicare la stessa serie di complesse normative a ciascuno, e quindi controllarli in modo efficace, è inutilmente complicato e compromesso. Il limite di costi dovrebbe consentire ai team di diventare entità più riconoscibili a pieno titolo all'interno di un budget realistico, senza preoccuparsi di differenze di prestazioni significative in base a quanto ogni team può spendere.

In poche parole, la situazione attuale consente alle squadre B/clienti di essere ipercompetitive rispetto ai costruttori e alle squadre A di essere eccessivamente competitive avendo il vantaggio di una squadra B. Senza una correzione, per come stanno le cose significa che qualsiasi squadra con aspirazioni al campionato deve avere una squadra B e questo semplicemente non è la Formula 1.

Inoltre, la pressione di voto esercitata dalle squadre A sulle squadre B non è coerente con la promozione di uno sport equo basato sul merito individuale della squadra. Come ho detto prima – e queste squadre non lo ammettono – ci sono momenti in cui alcune squadre più piccole votano contro i propri interessi per soddisfare l'agenda della loro squadra A.

L'elezione di Mohammed Ben Sulayem lo scorso dicembre a nuovo presidente della FIA offre l'opportunità di una riforma collettiva del modo in cui opera la Formula 1. È ovvio concentrarsi sugli eventi di Abu Dhabi alla fine della scorsa stagione, oggetto di un'indagine FIA, ma questo a mio avviso è stato un sintomo più che una causa. Ci sono stati problemi sistemici intorno all'allineamento e alla chiarezza su chi fa le regole - la FIA o le squadre - che si sono manifestati negli ultimi due anni, a volte in maniera preponderante.





I segnali di difficoltà organizzative si sono visti al Gran Premio d'Australia 2020 e al Gran Premio del Belgio dello scorso anno, entrambi caratterizzati da un'apparente mancanza di preparazione per lo svolgersi degli eventi e da una temporanea inerzia sulle soluzioni.

Una maggiore chiarezza sui ruoli di FIA e F1 e la necessità di una maggiore leadership nello sport saranno senza dubbio all'ordine del giorno per Mohammed Ben Sulayem e Stefano Domenicali e i rispettivi Team. Le precedenti amministrazioni perseguivano uno stile di governance prevalentemente autocratico, quindi per indirizzare lo sport nella giusta direzione era necessario adottare un approccio più consultivo con le squadre e le parti interessate. Ma ora lo sport è stato ripristinato con successo, andando avanti è necessario tornare a una leadership e una governance più forti e direttive ai vertici dello sport.

È chiaro che alcune regole e la loro governance non sono accettabili così come stanno le cose. Nessuno è contento dell'incoerenza nel controllo dei regolamenti, ma che è stato abitualmente sfruttato dalle squadre per il vantaggio competitivo. Ho detto prima che le squadre hanno troppa forza e va ridotta. Abbiamo un ruolo significativo nella stesura dei regolamenti e della governance della Formula 1 e quell'influenza non è sempre guidata da ciò che è complessivamente migliore per lo sport.

Sì, i team dovrebbero essere consultati e le loro prospettive informate dovrebbero essere considerate, in particolare su questioni strategiche a lungo termine. Ma a volte è sembrato che lo sport fosse governato da certe squadre. Non dimentichiamo che noi, le squadre, abbiamo contribuito alle incongruenze dei regolamenti quanto chiunque altro. Sono le squadre che hanno fatto pressione per evitare a tutti i costi di finire le gare con una Safety Car. Sono le squadre che hanno votato per molti dei regolamenti di cui si sono lamentati. Sono le squadre che hanno utilizzato la trasmissione di messaggi radio al direttore di gara per cercare di influenzare le sanzioni e i risultati della gara, al punto che un caposquadra sovraeccitato gioca in tribuna e fa pressione sugli ufficiali di gara. Questo non è stato edificante per la F1. A volte è sembrata una pantomima piuttosto che l'apice di uno sport globale.

Sono fiducioso che vedremo una maggiore leadership da parte della FIA e della F1 e che collettivamente, come custodi dello sport, ci concentreremo sull'evoluzione dello sport e non ci sottrarremo dalle responsabilità quando si tratta di prendere decisioni difficili.

Verso la fine del 2021, abbiamo accolto con favore l'aggiunta di due nuove tappe al calendario della Formula 1 in Paesi che faranno parte del tessuto di questo sport per molti anni a venire. Gli accordi per correre in Qatar e Arabia Saudita sono un merito del duro lavoro del nuovo CEO di Formula 1 Stefano Domenicali e del suo team. Entrambe le gare disputate sotto i riflettori sono state uno spettacolo incredibile e hanno offerto ai piloti un'emozionante sfida al volante. Da quando il Bahrain è diventato un appuntamento fisso del calendario nel 2004, il Medio Oriente è diventato un partner strategico chiave della Formula 1 e attendiamo con impazienza un'ulteriore cooperazione con la regione.

Oltre alle nuove gare in Medio Oriente, c'è molta attesa per il secondo Gran Premio negli Stati Uniti nel 2022 mentre ci dirigiamo a Miami a maggio. Quando siamo stati ad Austin lo scorso ottobre, è stato incredibile vedere una delle più alte presenze mai registrate, con oltre 400.000 fan che hanno visitato il Circuit of The Americas durante il fine settimana. Parte della popolarità di questo sport negli Stati Uniti può essere attribuita al continuo successo della serie Drive to Survive di Netflix. Il programma ha attratto molti nuovi fan di questo sport, compresi quelli di diverse fasce d'età e background diversi, molti dei quali non si sarebbero appassionati di corse automobilistiche prima di aver visto lo spettacolo. Con la prospettiva di una terza gara negli Stati Uniti, la F1 sta guadagnando terreno cruciale in questa geografia.

Con la nostra ricca storia in Can-Am e nella 500 Miglia di Indianapolis, l'America è stata a lungo un mercato importante per la McLaren, quindi non vediamo l'ora di introdurre una seconda gara negli Stati Uniti, intorno all'Hard Rock Stadium di Miami. Stiamo anche continuando a costruire sulla nostra eredità in America con un nuovo capitolo nella nostra operazione IndyCar con l'acquisizione alla fine dello scorso anno del team Arrow McLaren SP.

Guidato da Taylor Kiel, il nostro team ha aiutato Pato O'Ward a raggiungere il terzo posto assoluto nel campionato piloti, ottenendo la nostra prima vittoria in Texas, seguita da un'altra a Detroit. È stato anche quarto nella 500 Miglia di Indianapolis e, come segno della nostra stretta integrazione all'interno della famiglia McLaren, ha avuto la possibilità di guidare 400 km nei test di fine stagione di F1 ad Abu Dhabi. Il team si sta ora preparando a fare il passo successivo nel nostro viaggio per sfidare costantemente le vittorie in gara, il titolo della serie e le 500 Miglia di Indianapolis, con Pato e Felix Rosenqvist che guidano ancora una volta la nostra carica negli Stati Uniti quest'anno, e il ritorno di Juan Pablo Montoya per il 106° posto alla 500 Miglia di Indianapolis con una terza Chevrolet Arrow McLaren SP.





Dopo essere tornati alle competizioni IndyCar nel 2020 dopo 40 anni di assenza, l'acquisizione del nostro team IndyCar è un segno dell'impegno a lungo termine della McLaren in questo sport. Sotto la guida di Penske Entertainment, vedo un reale potenziale per la continua crescita della serie in futuro. Le corse in IndyCar non sono seconde a nessuno, con concorrenti di livello mondiale sia nei piloti che nei team, nonché fan appassionati e molto coinvolti. Sarà fantastico vedere l'Indy 500, dopo due anni di presenze fortemente ridotte a causa della pandemia, tornare al livello che lo rende uno dei pochi eventi sportivi globali iconici.

In qualità di stakeholder chiave nello sport, noi e i nostri sponsor vogliamo svolgere un ruolo attivo nel contribuire al successo di IndyCar e aiutare a far crescere la sua fan base globale, mentre sosteniamo il passaggio del prossimo anno all'alimentazione ibrida per continuare a portare avanti l'impegno di sostenibilità della serie.

Su questo argomento, la nostra ultima avventura nel motorsport è una pietra miliare significativa per la McLaren, con l'ingresso nella serie fuoristrada completamente elettrica, Extreme E. La decisione di competere in questa nuova serie ha seguito una valutazione dettagliata di criteri strategici, economici e operativi ed è stata sostenuti da un chiaro imperativo di accelerare la nostra missione di sostenibilità. È stato un onore presentare la nostra nuova vettura alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26 a Glasgow lo scorso novembre con Sua Altezza Reale il Principe di Galles per annunciare questa nuova e innovativa forma di competizione automobilistica per la McLaren Racing.





La serie di cinque round mette in evidenza l'impatto del cambiamento climatico in alcuni degli ambienti più remoti del mondo e l'adozione di veicoli elettrici sta guidando l'innovazione nell'industria automobilistica per sviluppare un futuro a basse emissioni di carbonio. Parallelamente, Extreme E promuove l'uguaglianza e la diversità poiché ogni squadra deve schierare un pilota maschio e femmina. L'anno scorso siamo stati lieti di accogliere nel team la prima pilota donna in assoluto della McLaren, Emma Gilmour, per unirsi a Tanner Foust e alla nostra prima ingegnere di pista donna, Leena Gade.

Riflettendo sul 2021 e guardando alle nostre priorità per gli anni a venire, ci sono quattro temi chiave centrali in questo viaggio per McLaren Racing. Il primo è il nostro costante impegno per la sostenibilità e per il raggiungimento di emissioni nette zero di carbonio entro il 2030, mentre passiamo a un'economia circolare con le nostre risorse. Come primo team di F1 ad essere certificato carbon neutral, siamo da tempo riconosciuti come leader nell'azione per il clima e stiamo accelerando la nostra missione verso i nostri obiettivi ambientali e sociali. Il lancio di McLaren Racing Engage lo scorso anno ha fornito una piattaforma unica per promuovere la diversità, l'uguaglianza e l'inclusione nei nostri team, nel nostro sport e nell'industria, creando opportunità per far avanzare i talenti sottorappresentati.

In secondo luogo, non possiamo raggiungere i nostri obiettivi sia dentro che fuori pista senza il supporto e la passione del fantastico gruppo di persone e dalle loro famiglie che fanno della McLaren la squadra che è oggi. Un esempio di questo è il nostro club Papaya Laurels, che onora il nostro personale più longevo per i loro tanti decenni di dedizione.

In terzo luogo, devo anche ricordare la nostra famiglia di partner commerciali della McLaren, che apportano non solo investimenti finanziari ma anche conoscenze inestimabili e condividono la loro notevole esperienza e competenza per renderci un'organizzazione migliore. Collaborando con la McLaren, sono in grado di sfruttare le loro reti a beneficio a lungo termine sia delle loro organizzazioni che della McLaren mentre collaboriamo ad iniziative entusiasmanti e stimolanti, come le livree una tantum che abbiamo utilizzato al Gran Premio di Monaco, alla 500 Miglia di Indianapolis e al Gran Premio di Abu Dhabi l'anno scorso.

Infine, la McLaren non sarebbe la squadra che è oggi senza i nostri fan. La popolarità del nostro team e dei nostri piloti è stata riconosciuta da coloro che hanno votato la McLaren come la loro squadra preferita - con un certo margine - nell'ultimo sondaggio globale sui fan di Formula 1. Inoltre, Lando e Daniel hanno rappresentato la coppia di piloti più popolare, mentre Lando è stato chiaramente il favorito dai fan tra la fascia demografica under 25 e femminile.





Il significato di tutto questo è ben chiaro a tutti in McLaren Racing e, sebbene lusinghiero, in definitiva è la conferma di ciò in cui crediamo. Il nostro obiettivo è aprire il mondo della McLaren per appassionare e ispirare i fan di tutto il mondo, vecchi e nuovi, premiando il loro sostenere e celebrare una passione condivisa per la nostra meravigliosa squadra e questo fantastico sport.

Avanti senza paura nel 2022.


Zak



fonte: mclaren.com
Traduzione a cura di MondoMcLaren

« Ultima modifica: 17 Gennaio 2022, 16:39:19 da BOSS »

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Il Mondiale che verrà - messaggio di Zak Brown
« il: 17 Gennaio 2022, 16:37:22 »