Autore Topic: La Formula 1 del passato  (Letto 142 volte)

Offline BOSS

  • Amministratore
  • *****
  • Post: 4890
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +96
La Formula 1 del passato
« il: 05 Gennaio 2021, 13:25:02 »
0
Un tributo a John Hogan
1943 - 2021

Potreste non aver mai sentito parlare di John Hogan e non c'è nessuna pagina su Wikipedia dedicata a lui. Di certo non lo avreste visto girovagare per il paddock della Formula 1 alla ricerca dei riflettori della televisione.
Eppure si può dire che questo pacato australiano sia stato una delle figure più importanti degli ultimi 40 anni in Formula 1. Era un fidato confidente di Bernie Ecclestone, l'uomo più potente di questo sport per quattro decenni, e ha negoziato Il primo accordo di sponsorizzazione della Ferrari al di fuori dell'industria automobilistica - con il grande Enzo, il fondatore, in persona. Ha aiutato a catapultare James Hunt dall'oscurità festaiola al Campionato del Mondo e ha preparato un Ayrton Senna in erba per la fama, oltre a creare efficacemente il moderno team McLaren.




Se succedeva qualcosa in Formula 1, John Hogan lo sapeva e, nella rubrica dei contatti di tutti coloro che erano qualcuno nel mondo automobilistico, il suo nome era semplicemente "Hogie".

John Hogan, morto all'età di 76 anni in ospedale, vicino a casa sua in Svizzera, dopo aver contratto il coronavirus, sarà pianto per il suo umorismo gentile e per la sua compassione tanto quanto per l'acume negli affari che ha contribuito a creare il fenomeno mondiale che è la Formula 1. Quando Hogie è entrato per la prima volta nel paddock come giovane dirigente pubblicitario, la Formula 1 era poco più che un festival di corse automobilistiche, che si teneva principalmente su alcuni circuiti europei e che raramente era trasmesso sugli schermi televisivi; quando ha lasciato lo sport che amava, era diventato un evento televisivo globale con Gran Premi dal Brasile al Bahrain e dall'Austria ad Austin, in Texas.

Zak Brown, Amministratore Delegato della McLaren, ha ricordato con affetto la vita e il lavoro di un uomo il cui basso profilo smentiva la sua importanza: "Tutti noi qui alla McLaren siamo profondamente rattristati dalla scomparsa di John Hogan, che non era solo un amico del Team ma parte della sua creazione, aiutandolo a diventare il nome famoso che conosciamo oggi", ha detto. “Senza di lui, dubito che ci sarebbero stati tutti i meravigliosi decenni di successi che il Team ha avuto con i suoi brillanti piloti, come James Hunt e Ayrton Senna. È stato anche determinante nella creazione del mondo moderno della Formula 1 con sponsorizzazioni e idee pionieristiche che ancora oggi restano efficaci. A livello personale, però, John era un grande amico e mentore. Ha insegnato tanto a me e a molti altri nel business della Formula 1 e ne siamo tutti grati. Era un gentiluomo, un pioniere e una leggenda e mancherà molto a me, alla McLaren e al circus della Formula 1".




In una serie di interviste all'inizio dello scorso anno, John ha parlato dei suoi 40 anni in Formula 1. Il lavoro pionieristico di Hogie è stato cruciale per lo sviluppo della Formula 1 e di molti dei suoi nomi più famosi. Hogie è stato tra i primi a sostenere Niki Lauda e a individuare i talenti emergenti di James Hunt e Ayrton Senna, e sempre Hogie ha riconosciuto le straordinarie capacità manageriali di un meccanico diventato proprietario di una squadra junior: ha firmato gli assegni per Ron Dennis e Dennis ha scritto la storia moderna della McLaren, una delle squadre sportive più vincenti di sempre.

Questo vorticoso mondo di spese ad alta velocità e stelle era molto lontano dai pensieri del figlio di un soldato cresciuto nella sua patria, l'Australia, e poi trasferitosi in Giappone e Hong Kong, quando suo padre fu distaccato in tutto il lontano oriente. Fu a Singapore che Hogie scoprì le corse automobilistiche all'età di soli 11 anni. Trovò una vecchia copia di Autocar e un servizio su un giovane pilota da corsa chiamato Stirling Moss. Era affascinato dalle gesta focose di questo affascinante inglese. "Non c'erano comunicazioni di massa come oggi, né televisione o giornali a Singapore, quindi ho letto quella rivista da cima a fondo ogni giorno", ha ricordato Hogan.

Come tanti figli di famiglie di servizio, Hogie è stato mandato a scuola in Inghilterra dove ha stretto amicizia con Malcolm Taylor, un compagno appassionato di corse automobilistiche che in seguito ha cambiato il suo nome in Malcolm McDowell e ha recitato in un film storico chiamato Arancia Meccanica. Andarono sulla vecchia pista di Aintree per assistere al Gran Premio di Gran Bretagna del 1957 dove Moss, già eroe di Hogan, vinse su una Vanwall, la prima vittoria di un Gran Premio per un'auto di fabbricazione britannica. "Ricordo tutto così bene," disse Hogie malinconicamente, scavando nella sua memoria per ricordare i suoni e gli odori della storia, "Moss e Vanwall e Jean Behra secondi su una Maserati."

Hogie lasciò la scuola e l'Australia per unirsi al mondo della pubblicità a Londra e presto iniziò a lavorare vagliando gli accordi di sponsorizzazione per Coca-Cola. Se il marchio di bevande americano non era sicuro di entrare in Formula 1, questo è stato il lasciapassare di Hogie nel paddock dove la sua leggendaria rubrica telefonica ha iniziato a espandersi, tanto da attirare l'attenzione di un pilota giovane e ambizioso. "Un giorno ero nel mio ufficio quando la reception mi informò che c'era un giovane che avrebbe voluto incontrarmi", ha raccontato Hogie. Il giovane si rivelò essere James Hunt. "Aveva sentito che ero interessato a sponsorizzare persone e decise che avrebbe tentato la fortuna." Ne è valsa la pena, perché Hogie offrì 500 sterline a gara per il giovane pilota per far carriera e avviare una partnership che si sarebbe conclusa con una sensazionale vittoria del Campionato del Mondo.

Hogie faceva già parte della struttura quando entrò in Marlboro nel 1973. L'azienda aveva già un contratto con il team britannico BRM, ma Hogie vide che la squadra era in difficoltà. Andò alla McLaren nel 1974 per firmare il primo contratto di sponsor con la squadra; a McLaren vinse i primi due Gran Premi della stagione ed Emerson Fittipaldi il Campionato del Mondo. Forse c'era una sorta di tocco magico perché Hogie stava investendo anche in un truculento pilota austriaco, il cui mantra era: "Niente caz**te". Niki Lauda fu Campione del Mondo nel 1975 e divenne un suo grande amico. "Niki mi chiese soltanto quanto stavo pagando e basta", ha detto Hogie, ricordando le gesta del suo vecchio amico dopo la morte di Lauda nel 2019. "Sempre diretto al punto".




Anche l'affare ormai storico per portare Hunt alla gloria fu semplice, non appena Hogie ebbe trovato il suo uomo. Fittipaldi aveva improvvisamente lasciato la McLaren alla fine del 1975 per unirsi alla squadra Copersucar di suo fratello. "Non avevamo idea che se ne sarebbe andato", disse Hogie, "e ora eravamo al buio chiedendoci chi prendere." Il nome di Jacky Ickx, il belga che aveva vinto le gare con Ferrari e Brabham, era in cima alla lista, ma Hunt, che si era fatto un nome con Hesketh, il famoso 'Party Team' finanziato da Lord Hesketh, salì sulla monoposto per il sedile del 1976.

A Hunt era stata offerta una possibilità alla Lotus, ma era restio ad andare in una squadra che considerava una potenziale responsabile della morte di Jochen Rindt, un caro amico e unico campione postumo di Formula 1.

"Era un sabato sera umido e stavo chiamando a tutti i numeri che avevo di James", disse Hogie. "Scoprì che era a casa di Lord Hesketh a South Kensington con la sua ragazza Jane Birbeck, quindi andai a trovarlo. Provò a giocare duro, ma non aveva opzioni a parte la Lotus e non voleva davvero andarci a causa delle sue preoccupazioni per la sicurezza dopo la morte di Rindt. L'accordo si concluse in un paio di giorni e lo trovammo abbastanza a buon mercato."

Hunt non è stato solo il Campione del Mondo del 1976, perchè l'epica stagione - che ha visto Niki Lauda salvarsi dall'orlo della morte dopo un terribile e violento incidente al Nürburgring - si trasformò in un botteghino globale. Hogie era giovane e relativamente inesperto ma poteva seguire Ecclestone mentre siglava accordi straordinari con emittenti di tutto il mondo e trasformava la Formula 1 da un'industria artigianale in un evento televisivo, svolgendo la sua parte nel tentativo di far emergere quel mondo formale e soffocante di uno sport legato alla tradizione e dominato dalla Ferrari, la grande squadra.
Hogie inventò il concetto di grid girls, inviandole nelle città vicino ai circuiti per invogliare il pubblico a guardare le corse automobilistiche per la prima volta. Fu un'innovazione che anticipò sul tempo un'idea che alla fine fu copiata in tutto il mondo dello sport. Le sue capacità diplomatiche e imprenditoriali furono riconosciute anche dall'organo di governo dello sport, la Federation Internationale de l'Automobile (FIA), dove ha servito per molti anni nella Commissione di F1.




La figura più grandiosa della Formula 1 è rimasta nella penombra più di ogni altro. Non a Hogie, però, che è stato uno dei pochi a entrare nel santuario per incontrare Enzo Ferrari, il Padrino della Formula 1.
Hogie era riuscito a portare lo stemma Marlboro sulla tuta di Didier Pironi della Ferrari per il 1982 e un canadese in erba di nome Gilles Villeneuve. Ma lui voleva di più e dunque andò ad incontrare Enzo nella sua sede di Maranello. Enzo resisteva all'infiltrazione nello sport di "outsider" come Marlboro e disprezzava le squadre inglesi - i "garagistes" - che facevano la fila per fare affari con questa nuova generazione di sponsor. "Non dimenticare", disse Enzo ammonendo il giovane Hogie, "stai parlando con il Papa, non con l'arcivescovo di Canterbury". Ma anche il "Papa" della Formula 1 non potè resistere all'affascinante australiano che traboccava di entusiasmo e parlava di costruire il marchio della Formula 1. Ben presto, il nome Marlboro era sull'ala posteriore delle Ferrari.

Forse la mossa più influente di Hogie, però, arrivò quando le fortune della McLaren svanirono dopo il Campionato del Mondo di Hunt del 1976. Hogie aveva lavorato con un ambizioso Ron Dennis, che iniziò come meccanico per il Campione del Mondo Jack Brabham alla Cooper ma gestiva la sua squadra di successo, Rondel Racing, nelle serie junior. Hogie aveva portato la sponsorizzazione in Rondel e vide che c'era un enorme potenziale in Dennis. “Sapevo che era diverso. Ron capiva la sponsorizzazione, capiva come funzionavano le squadre. Era brillante con i suoi tecnici, ma aveva anche un istinto per quello che sarebbe successo in futuro", disse Hogie. "Era tutto occhi, uno studente molto veloce".

Nel 1981, Hogie progettò una fusione tra la McLaren vincitrice del Gran Premio e la Rondel, come mettere insieme Boots the Chemist e una farmacia di strada, secondo Dennis. I fatti parlano dell'astuta intuizione di Hogie e dell'investimento di Marlboro come title sponsor: la McLaren vinse 10 dei suoi 12 campionati mondiali per piloti e 7 dei suoi 8 campionati costruttori con Dennis.

Anche l'elenco dei piloti della McLaren è stupefacente, da Lauda e Alain Prost a, probabilmente, il più carismatico di tutti: Ayrton Senna. Il brasiliano fu portato all'attenzione di Hogie da un intermediario prima di entrare in Formula 1 e ne riconobbe immediatamente il suo potenziale, firmando un contratto da $ 10.000 per mettere un logo Marlboro sulla sua tuta e un'opzione per firmare con la McLaren. Senna conosceva il suo valore e, dopo aver vinto i campionati del mondo nel 1988 e nel 1990, fece un affare più difficile delle sue vetture di F1 quando si trattava di negoziare un nuovo contratto. Hogie finalmente accettò di pagare 1 milione di dollari a gara, il che andò bene fino al Gran Premio di San Marino, la quarta gara della nuova stagione. Arrivarono le squadre, arrivarono i piloti ​​per fare il briefing tecnico…. ma non Senna, la nuova superstar dello sport. La quota di 1 milione di dollari non era stata accreditata sul suo conto in banca.
Hogie ricordò in un'intervista alla rivista Motorsport nel 2014: "Non avevo idea di quanto potesse diventare intransigente Senna." - "Quando [i soldi] arriveranno, salirò sull'aereo", mi disse Senna. Senna aveva fatto atterrare il suo volo Varig a Rio e aveva deciso di attendere lì finché non fossero arrivati ​​i soldi, poi avrebbero potuto decollare - con gli altri 360 passeggeri a bordo".

Hogie non era un giocatore d'azzardo, ma il suo istinto era infallibile. Ci fu un terremoto nel paddock della Formula 1 quando portò la Marlboro dalla McLaren alla sponsorizzazione completa della Ferrari per la stagione 1997. Un colpo di stato per Luca di Montezemolo, presidente della Ferrari, ma un atto di fede per Hogie, che credeva che il neo-reclutato Michael Schumacher e il suo team tecnico guidato da Ross Brawn potessero avere successo. Si dovette attendere fino al 2000, ma poi Schumacher agguantò cinque campionati del mondo da aggiungere ai due precedentemente conquistati alla Benetton.

Mentre Schumacher dominava la F1, Hogie lasciò il suo lavoro di vicepresidente del marketing di Marlboro per l'Europa e si lanciò in una nuova sfida quando la Ford Motor Company gli chiese di dirigere la sua squadra Jaguar Racing. La squadra era stata costituita nel 2000 dopo che Ford aveva acquisito la Stewart Racing di Sir Jackie Stewart, ma era un Team infelice e senza successo quando Hogie entrò nella fabbrica di Milton Keynes per iniziare la stagione 2003. Niki Lauda era stato licenziato come capo squadra assieme ad altri 70 dipendenti, ed anche il pilota principale Eddie Irvine era stato licenziato. Hogie, lucido e intelligente come sempre, riorganizzò la squadra e reclutò Mark Webber come pilota principale. I risultati migliorarono immediatamente, anche se Hogie voleva semplicemente guidare la squadra attraverso i tempi difficili fino alla nuova gestione, pur sapendo in fondo che Jaguar e F1 semplicemente non andavano bene. "La storia delle corse di Jaguar è ​​a Le Mans, non in F1. La direzione del team venne interrotta dappertutto perché Ford in America voleva il controllo. Non poteva funzionare", disse.




Ironia della sorte, Ford decise di staccare la spina un anno dopo, proprio quando sembrava che Jaguar Racing avesse svoltato, vendendo alla Red Bull per una sterlina nominale. John Hogan sarebbe tornato a consultare la sua rubrica dei contatti, ma ora come un saggio del paddock, dispensando consigli come consulente e alla fine unendosi a Zak Brown in CSM Sport & Entertainment, uno dei più grandi gruppi di marketing sportivo del mondo, e stipulando accordi di ingegneria, proprio come al suo primo colpo di stato quattro decenni prima, quando aveva convinto Enzo Ferrari a credergli sulla parola che sarebbe stato capace di vendere la Formula 1 in tutto il mondo.

Hogie è rimasto una figura familiare, seduto tranquillamente all'angolo dei camper del quartier generale della McLaren o della Ferrari ai Gran Premi, incontrando e salutando una serie di uomini e donne d'affari, dando alcuni consigli ai team sulla base della sua lunga esperienza e salutando gli ospiti degli amici che aveva conosciuto in quattro decenni in Formula 1.

John Hogan lascia in eredità, probabilmente, le sponsorizzazioni di maggior successo nello sport. Lascia anche una folta schiera di ammiratori e amici che hanno avuto il privilegio di conoscere il "Marlboro Man" della Formula 1.


John Hogan, nato a Sydney il 5 maggio 1943, è morto il 3 gennaio 2021, lasciando sua moglie, Annie, e il figlio e la figlia.



fonte: mclaren.com
traduzione a cura di MondoMcLaren






MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

La Formula 1 del passato
« il: 05 Gennaio 2021, 13:25:02 »