Autore Topic: La F1 degli anni '80  (Letto 23580 volte)

mauriturbo

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #30 il: 02 Dicembre 2009, 19:11:47 »
0

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #30 il: 02 Dicembre 2009, 19:11:47 »

McNIK

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #31 il: 02 Dicembre 2009, 19:13:23 »
0


Mauri...correggimi se sbaglio, ma in questa foto ho notato che il telaio non è interamente in carbonio, il musetto è ancora in alluminio rivettato .

McNIK

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #32 il: 02 Dicembre 2009, 19:16:31 »
0
Splendide ed esaudienti queste foto.... :-ok

mauriturbo

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #33 il: 02 Dicembre 2009, 19:21:39 »
0



Ecco la c2 con il telaio in Honeycomb di alluminio prodotto dalla ditta belga "excel"

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #33 il: 02 Dicembre 2009, 19:21:39 »

mauriturbo

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #34 il: 02 Dicembre 2009, 19:26:02 »
0



Questa è la versione "b" sempre della c2 con i primi inserti di carbonio per irrigidire quel telaio in allumunio.

mauriturbo

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #35 il: 02 Dicembre 2009, 21:17:53 »
0


C3...

McNIK

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #36 il: 02 Dicembre 2009, 21:25:21 »
0


C3...

Citroen ? :-ahah.....

Ma dimmi....dove trovi tutto sto ben di Dio ??   :-appl

mauriturbo

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #37 il: 02 Dicembre 2009, 21:28:34 »
0
Ho una discreta raccolta frutto di anni di ricerca e poi il resto frugando per il web.

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #37 il: 02 Dicembre 2009, 21:28:34 »

Offline Ice Man

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 4074
  • Sesso: Maschio
  • "In Ron We Trust"
  • +1 ricevuti: +69
  • Premi oscar: Sponsor FantaFormula1 2015Ci vorrebbe un amico 2014Pubblicità progresso 2012...
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #38 il: 24 Marzo 2010, 11:43:37 »
0
si ma dopo 2 mesi fece una vettura con motore posteriore il vecchiaccio, copiando una cooper fatta comprare da un suo cliente con una scuderia privata.
Che sia poi la renò a stigmatizzare il comportamento ...pericoloso...di una trovata altrui...
brutta cosa l'invidia

Nessuno dei ferraristi del forum si offenda, ma la Ferrari (salvo rarissime eccezioni) non è mai stata capace di "innovare" in Formula 1. Persino nell'89, con il cambio semiautomatico con le leve sul volante della 640, la macchina era una figlia di Barnard 100% made in England. Alla Ferrari nei tempi d'oro erano bravi a costruire i motori, puntavano tutto su quello, mentre i telai facevano pietà. Parola dei piloti che hanno guidato per il vecchio.


"Vogliamo dominare. Vincere gare è difficile, ma dominare lo è ancora di più" - Ron Dennis

Offline liongalahad

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 6617
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +73
  • Premi oscar: Avanti tutta! 2014Miglior colonna sonora 2013Arancia rossa di Sicilia 2013...
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #39 il: 24 Marzo 2010, 11:47:18 »
0
Io problema non è quanto è restrittivo il regolamento. Cosa c'è di più restrittivo della GP2 dove si corre con macchine e motori uguali? Eppure lì lo spettacolo c'è.
Semplicemente penso che la trovata della Mecca sia abbastanza fine a se stessa, tipo il kers per intenderci, quindi in grado di creare  differenze di prestazioni alla sua prima uscita, ma che diventa una complicazione inutile a regime quando ce l'avranno tutti e l'unico effetto, in prospettiva, è di fare lievitare i costi.
Se il regolamento fosse stato più restrittivo già quest'anno, vietando i doppi diffusori comunque destinati ad essere cestinati tra 6 mesi, non pensi che le gare sarebbero un pò più divertenti

Non credo, nulla me lo fa supporre


beh, con un po' di downforce in meno, forse, l'errore in curva e in staccata potrebbe essere più facile, agevolando un minimo i sorpassi. Lo spirito del regolamento dell'anno scorso infatti era quello di diminuire il grip aerodinamico per agevolare lo spettacolo, la trovata di Ross Brawn ha rovinato almeno in parte i piani FIA..

inoltre mi pare che il diffusore doppio rompa non poco le ba*le all'aerodinamica di chi insegue
« Ultima modifica: 24 Marzo 2010, 11:49:21 da liongalahad »

Offline Sam71

  • Tifoso/a Ferrari
  • *
  • Post: 3241
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +49
  • Vincitore FantaF1: 2010
  • Premi oscar: MondoMcLaren 2020
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #40 il: 24 Marzo 2010, 11:55:28 »
0
Io non mi offendo. Noto che in questo caso si accosta la Ferrari all'Italia, mentre altre volte la si critica per non essere italiana.
Io la vedo così: La Ferrari è italiana. Non tutta la gente che ci lavora non lo è. Ma tutto quel che si produce dentro è al 100% made in Italy. Pertanto il cambio elettroattuato pensato da Barnard è della Ferrari e quindi italiano.
Che la Ferrari non sia mai stata capace di innovare in F1 mi sembra un po' troppo duro come concetto da digerire... fermo restando che le innovazioni in F1 riguardano anche i motori...(almeno una volta era così).

Offline Sam71

  • Tifoso/a Ferrari
  • *
  • Post: 3241
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +49
  • Vincitore FantaF1: 2010
  • Premi oscar: MondoMcLaren 2020
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #41 il: 24 Marzo 2010, 11:56:57 »
0
Lo spirito del regolamento dell'anno scorso infatti era quello di diminuire il grip aerodinamico per agevolare lo spettacolo, la trovata di Ross Brawn ha rovinato almeno in parte i piani FIA..

inoltre mi pare che il diffusore doppio rompa non poco le ba*le all'aerodinamica di chi insegue

E' esattamente per quello che sono rimasto perplesso quando la Fia ha dato via libera ai diffusori l'anno passato.
« Ultima modifica: 24 Marzo 2010, 11:58:30 da Sam71 »

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #41 il: 24 Marzo 2010, 11:56:57 »

Offline Mika84

  • Moderatore Globale
  • *****
  • Post: 9724
  • Sesso: Maschio
  • Mika The Flying Finn
  • +1 ricevuti: +31
  • Premi oscar: Bill Gates 2019Ritorno al futuro 2015 Mastermind 2014...
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #42 il: 24 Marzo 2010, 12:03:45 »
0
Io non mi offendo. Noto che in questo caso si accosta la Ferrari all'Italia, mentre altre volte la si critica per non essere italiana.
Io la vedo così: La Ferrari è italiana. Non tutta la gente che ci lavora non lo è. Ma tutto quel che si produce dentro è al 100% made in Italy. Pertanto il cambio elettroattuato pensato da Barnard è della Ferrari e quindi italiano.
Che la Ferrari non sia mai stata capace di innovare in F1 mi sembra un po' troppo duro come concetto da digerire... fermo restando che le innovazioni in F1 riguardano anche i motori...(almeno una volta era così).

Sam, non per contraddirti, ma forse Ice si riferiva al periodo Ferrari di quando aveva l'antenna tecnologica a Guilford, città che ho visitato e che tra l'altro è a due passi da Woking. A quel tempo Barnard se ne stava in UK a progettare la Ferrari e mandava i progetti via fax.

In generale tra le maggiori innovazioni in F1 non c'è la Ferrari:

1) Carbonio: McLaren

2) Effetto suolo: Lotus

3) Sospensioni attive: concepite dalla Lotus, messe in pratica dalla Williams

4) Motore posteriore: Cooper
« Ultima modifica: 24 Marzo 2010, 12:10:11 da Mika84 »
"I went completely on the inside and overtook the backmarker and at same time overtook the Michael. It was a great overtaking manoeuvre, and I loved it. I’m not sure if the Michael did." M.H.

mauriturbo

  • Visitatore
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #43 il: 24 Marzo 2010, 12:15:05 »
0
Il primo cambio elettroattuato è di Forghieri.






"Voglio qualcosa di nuovo",  chiese Enzo Ferrari a John Barnard, quando giunse a Maranello nel 1986, dopo averlo strappato alla rivale McLaren. Per quello che era allora considerato il più geniale progettista della F1 fu un invito esaltante e raccolse la sfida mettendosi al lavoro.

Negli archivi della Ferrari ritrovò un vecchio brevetto della Ferrari, un cambio semiautomatico elettroidraulico, azionato da due pulsanti disposti sul volante. Realizzato in collaborazione con la Bendix su progetto di Forghieri. Nel 1979 questo congegno venne montato su una Ferrari 312 T3 evoluta, con la prospettiva di utilizzarlo sulla futura T4. Il sistema pesava solo 2 kg più del cambio meccanico e diede subito risultati soddisfacenti. Enzo Ferrari raccontò che l'idea per quella soluzione gli era venuta durante la guerra, quando costruiva macchine utensili.

I giornalisti presenti a quei primi test, avvertirono subito la grande rapidità delle scalate, con tempi paragonabili a quelli della "raffica di un motorino per macchina fotografica".

Villeneuve fu l'ultimo a occuparsi  della sua sperimentazione ma non lo gradì, trovandolo  poco pratico e ingombrante   Disse con franchezza a Forghieri che avrebbe dato parere negativo a Enzo Ferrari sull'opportunità di proseguirne lo sviluppo. Se ne riparlò qualche mese più tardi per la T5 del 1980, per la quale si pensava di utilizzare un cambio a 6 marce ma tutto venne poi archiviato.

Alla fine degli anni ottanta il panorama tecnologico era però cambiato e gli ultimi progressi nel campo dell'elettronica consentivano di mettere a punto un sistema molto più pratico ed efficiente.

Da questi primi intensi studi nacque la 639, una vettura laboratorio che consentì di preparare la strada alla 640, la prima vettura della storia che porterà  in gara un cambio elettronico.


www.modelfoxbrianza.it










Noi siamo stati gli ultimi ad averlo tra i top team.........come mai?

Io ho la mia idea.
« Ultima modifica: 24 Marzo 2010, 13:19:33 da mauriturbo »

Offline The Black Pearl

  • Tifoso/a McLaren
  • *
  • Post: 1962
  • Sesso: Maschio
  • +1 ricevuti: +5
  • Premi oscar: Innovazione e tecnologia 2009
Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #44 il: 24 Marzo 2010, 12:16:56 »
0
La F1 secondo me deve puntare sì a porre le condizioni per uno spettacolo migliore in pista, ma questo non deve andare a discapito dell'innovazione tecnologica... la soluzione adottata dalla McLaren dà sicuramente dei vantaggi, ed è vero che se gli altri team riusciranno a implementare a loro volta questa soluzione allora questo vantaggio verrà meno... ma questo è normale... vorrà dire che i tecnici delle varie scuderie si inventeranno qualcos'altro...

Per esempio io sono ancora scocciato di come è stata gestita la faccenda del Kers... cioè dei team (Mclaren e Ferrari su tutti) hanno dedicato tempo e denaro per studiare questa soluzione, e farla funzionare adeguatamente, considerando che da quest'anno sarebbe diventato obbligatorio... e poi di punto in bianco quel lavoro è andato a farsi benedire, perchè il kers è stato levato... e questo a tutto vantaggio di quei team come Red Bull che sarebbero stati indietro quest'anno proprio perchè avrebbero dovuto dedicare tempo per adottare questa tecnologia...

Sul diffusore poi sono d'accordo, cioè se tanto lo si toglie dall'anno prossimo, allora valeva toglierlo da subito... sembra quasi che non si vogliano avere regole stabili per permettere eventuali stravolgimenti in griglia...

Che poi continuano a cambiare le regole, ma lo spettacolo è quello... ci saranno sempre gare più spettacolari di altre, ma questo dipende dalla conformazione della pista e dai valori delle varie monoposto...

MondoMcLaren - Il forum italiano dei tifosi McLaren

Re:La F1 degli anni '80
« Risposta #44 il: 24 Marzo 2010, 12:16:56 »